Copyright @etnacomics.com

[F-log] Etna Comics 2015: falsi in fiera

Altra piccola rubrica che voglio dedicare ancora una volta al fenomeno bootleg.
Capita che acquistando online o da venditori privati vi si incappi prima o poi, ma avviene spesso che siano loro a venire da noi in quantità gigantesche e per niente rassicuranti. A tal proposito l’Etna Comics di quest’anno si merita decisamente la nomina di fiera del falso, dove uno stand di merchandise autentico diventa un’oasi in un deserto di bootleg.

Nb: L’articolo vuole essere riferito solo alla presenza di numerosi falsi e ai venditori che garantiscono “l’autenticità” dei prodotti venduti. Non si tratta di una critica all’organizzazzione né ad altri settori, che comunque nel complesso mi hanno lasciata più che soddisfatta.

Armate di fotocamera, io e le mie amiche/colleghe (anche loro nel tunnel del collezionismo, a stadi di follia differenti) siamo andate in giro con poker face e occhio attento ed il risultato è stato disastroso. In tutta la fiera -che è bella grande, potete controllare le planimetrie del padiglione F1 sul sito dell’evento- erano presenti solo TRE stand di figures d’origine giapponese che vendessero solo prodotti  autentici. I restanti, almeno una ventina ma sono sicura che fossero di più, erano un’accozzaglia confusa di finti nendoroid, falsi mescolati a prodotti autentici, chibi da 5€ venduti a 30+, personaggi ancora inesistenti in pvc dai box fantasiosi e chi più ne ha più ne metta.

L’angolo della cinesata

Di seguito le foto di alcuni dei “bellissimi” bootleg presenti in fiera, insieme a qualche prodotto autentico finito lì A) per sbaglio, B) per convincere gli acquirenti che lo stand venda tutta roba autentica. L’opzione C) il venditore non è consapevole di star vendendo un bootleg, non esiste. Essi sono responsabili del merchandise che vendono e non è loro consentito l’essere ignoranti in materia e/o negare spudoratamente quando viene loro fatta notare la cosa.

Da notare che esistono 4 bootleg diversi di Miku Senbonzakura, tutti con espressioni diverse. L’originale al momento potete vederlo nell’header di questo blog.

I prodotti autentici

Uno spazio importante va dedicato a quei tre stand -dei quali uno era gestito da giapponesi, mi pare di capire- che vendevano tutti prodotti originali a prezzi accessibili (ad esempio, il Kaworu in set con Shinji che non sono riuscita a prendere). Ho fatto loro i miei complimenti di persona, e spero li abbiano apprezzati così come io ho apprezzato la loro onestà.

Vecchio e nuovo si incontrano nell’Area Vintage.

Tante prize di Strike Witches

Ho già esposto le mie opinioni nel precedente articolo sui bootleg, e vi ripeto che ognuno è liberissimo di far come crede. Spero però che questo post in qualche modo vi faccia riflettere sul fatto che, per una decina di euro in più o anche meno, potreste avere un prodotto di qualità superiore e non sarete stati raggirati da chi ci lucra sopra, anziché guadagnarci com’è giusto che sia.

Un grazie a chiunque sia arrivato fino in fondo all’articolo.
Due in due giorni, segnatevi il record.

Alla prossima~

Annunci

3 comments

  1. Non ero all’Etna Comics, ma vi ringrazio anche a distanza per questo lavoro! (secondo me qualcuno deve pur farlo ad ogni fiera e condividerlo con più persone possibili) ❤
    Ormai non so più se piangere o ridere davanti a certe cose… più scorrevo e più il facepalm era forte. Comunque hai fatto bene a concludere col "premio autenticità", perché è stata una vera ventata positiva dopo la prima metà del post a dir poco deprimente (anche se "FAKE e pure brutta" mi ha steso dal ridere). E da notare che i prezzi che si vedono degli originali mi sembrano (nella mia poca esperienza, sia chiaro) anche onesti per essere prodotti comunque importati. Se tutti fossero così non avrei paura a recuperare un sacco di cose in fiera, e per questo è davvero un peccato che la maggioranza (spaventosamente schiacciante) siano venditori di (soprattutto) falsi.
    Grazie ancora per l'articolo (e anche per l'altro), spero di leggerne presto di nuovi!~

    Mi piace

    1. Una delle cose che mi ha lasciata esterrefatta: dopo aver domandato quattro volte al venditore se si trattava di un nendoroid, cosa che lui ha confermato, ci ha guardate in faccia e -capendo che probabilmente non eravamo così poco ferrate in materia- ha avuto il coraggio di dirci “è un chibi”. Al che lo abbiamo guardato davvero male, ma non per questo ha smesso di vendere roba contraffatta. I prezzi delle originali invece erano buoni, considera che c’era il Kaworu del set e veniva 35€ – se poi ci si mette a fare i calcoli capisci che i venditori in fiera devono pagare la figure, la spedizione, la dogana, lo stand per la fiera e pure guadagnarci un minimo. Quando però vedo un nendoroid falso venduto a 20€ mi saltano giusto un attimino i nervi. Nel mio piccolo giro per la fiera e quando vedo un tizio che sta per comprare il suo bootleg tutto contento, mi lascio andare ad un commmento a voce un po’ alta sul fatto che sia falso. Poi qualunque sia la sua decisione non diventa più affar mio, però credo che a qualcuno abbia fatto piacere saperlo.
      Mi sto dando una mossa con le review perché fra un po’ parto e credo dovrò fermarmi per l’estate ;_; tra l’altro sarò all’estero per un paio di mesi e tantissime figures mi arriveranno a casa in Italia, per cui se ne parlerà chissà fra quanto per le review di quelle. Ad ogni modo, grazie ancora per questo e per gli altri commenti. Un bacio~

      Mi piace

      1. L’incompetenza di questi venditori di falsi rende ancora più triste questo fenomeno, non c’è dubbio. ._. Comunque sì, 35€ per una prize, contando le spese per importarla e tutto, è un buon prezzo, soprattutto se parliamo di qualcuna più ricercata come appunto il Kaworu del set.
        Comunque ti auguro buon viaggio, e buona permanenza all’estero. ❤ Immagino che quando tornerai sarai felicissima di trovarti tante figures, ed io felicissima di leggere le tue prossime recensioni, ma -ovviamente- pensa alla tua estate, prima di tutto. Alla prossima, allora! Un forte abbraccio~

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...